banner atlante delle feste popolari del Piemonte HOME
ARCHIVIO FESTE
ESCI
 
 

Visualizza TABELLA: FESTE - Torna all'Elenco  MEDIA FESTA   ATTORI FESTA   DOCUMENTAZIONE FESTA   TESTIMONI DELLA TRADIZIONE 

AREA A
Id festa Codice festa
21 10301901
Comune, Cod. ISTAT
CASALE CORTE CERRO, 103019
Quartiere
Frazione
Provincia Regione
VB Piemonte
Denominazione italiana
Cantamaggio serenata
Denominazione locale
Santo
San Giorgio
Ordine Religioso
Stato festa Patronale
Festa attiva Si
AREA C
Spazio rituale
Pubblico
Azioni rituali
Cortei, Altro
Canti e questue
Leggende di fondazione
AREA E
Partecipanti
Paese
Organizzatori
Aggregazione spontanea, attraverso il passaparola, durante la festa partonale di San Giorgio.
DESCRIZIONE FESTA
AREA B
Data festa
La notte tra il 30 aprile e il 1 maggio
Periodo
Primaverile
Fasce orarie
Notte
Durata giorni
2
Anno osservazione festa
Tipo festa
Festa fissa
Cicli stagionali
Primaverile
Cicli produttivi
Ciclo dell'anno Ciclo della vita
SI NO
AREA D
Animali
Vegetali
Oggetti
Alimenti rituali
AREA F
Osservazioni
Il raduno del gruppo (pertecipanti estemporanei e in numero variabile) avviene verso la mezzanotte, attraverso il passaparola, durante la festa patronale di S. Giorgio.
L'azione si svolge di notte, poichè requisito fondamentale è svegliare e disturbare gli interessati.
Il gruppo, costituito in passato da soli uomini, vede oggi la partecipazione anche di donne. Si attraversa il paese addormentato e si cantano, sulla falsariga di un motivo musicale fisso, alcune strofe, parte delle quali sono fisse, altre variabili o improvvisate. La prima strofa è eseguita da un solista, tenore o baritono, che ha il compito di svegliare l'interessato; le altre vengono cantate in coro, intercalandivi il ritornello.
Si inzia con il riverire i padroni di casa, li si prende in giro per il loro lavoro o per i difetti e si finisce per imporre di pagare il pegno per il canto, solitamente con vino o generi alimentari. Se proprio non si vuole dare nulla, allora viene chiesto in tono satirico il "lantigher" che, nell'antico dialetto casalese, indica un ciottolo bianco della forma e dimensioni di un uovo; questo viene messo nel nido per insegnare alle giovani pollastre dove deporre le uova. Strofe di ringraziamento o maledizione vengono eseguite per ultime, secondo l'esito della questua.
AREA G
Latitudine 45° 55' 00''
Longitudine 8° 25' 00''
Scheda comune Wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Casale_Corte_Cerro
Collegamento a Google Maps http://maps.google.it/maps?f=q&hl=it&q=casale+corte+cerro&ie=UTF8&z=11&ll=45.964515,8.414154&spn=0.1